Ecco le 6 regole d’oro per la massima fioritura dei gerani sui balconi

Photo of author

By Lucas

Scoprite i segreti per garantire una fioritura brillante dei vostri gerani durante tutta la stagione estiva e trasformare il vostro balcone in un piccolo giardino rigoglioso.

Scegliere la posizione giusta

I gerani hanno bisogno di molta luce per crescere. Assicuratevi di posizionare i vasi in un luogo soleggiato, dove riceveranno almeno sei ore di luce solare diretta al giorno.

Scegliete un buon drenaggio

Assicuratevi che i vostri vasi abbiano dei fori di drenaggio per evitare che l’acqua ristagni. Utilizzate un terriccio ben drenante e aggiungete uno strato di ghiaia sul fondo dei vasi per migliorare il drenaggio.

Annaffiare regolarmente

I gerani hanno bisogno di annaffiature regolari, soprattutto durante i periodi di caldo e siccità. Mantenete il terreno leggermente umido, ma non inzuppato. Evitate di innaffiare eccessivamente, perché ciò può provocare il marciume delle radici.

Concimare regolarmente

Per favorire una fioritura abbondante, concimate i gerani ogni due settimane con un fertilizzante bilanciato per piante da fiore. Evitate i concimi ricchi di azoto, perché favoriscono la crescita delle foglie a scapito dei fiori.

Eliminare i fiori appassiti

Per incoraggiare una fioritura continua, tagliate regolarmente i fiori appassiti. Questo stimolerà la produzione di nuovi fiori e manterrà i gerani in salute.

Proteggerli dal freddo

I gerani sono sensibili al gelo, quindi assicuratevi di proteggerli quando le temperature iniziano a scendere. Portateli in casa nelle notti fredde o avvolgeteli in un vello invernale per proteggerli dal freddo.

Da dove vengono i gerani?

Si stima che ogni anno in Europa vengano venduti 400 milioni di gerani! Perché sono così popolari? L’innegabile vigore, unito a una fioritura che dura mesi, fino ai primi geli. I villaggi fioriti delle nostre campagne devono molto a loro, ma il fatto di aver ammirato delle belle cascate rosse in Alsazia non significa che dobbiate copiarle esattamente. La gamma di colori e forme è molto più sorprendente di quanto si possa immaginare a prima vista, e il geranio ama la compagnia di altri fiori o piante con fogliame decorativo, che gli forniscono la cornice più bella.

LEGGERE  Ecco una pianta d'appartamento ultraefficiente per combattere l'umidità

Prima di correre dal fioraio, vale la pena di dare un’occhiata alle origini dei gerani, per capire perché sono così tenaci e capaci di fiorire così generosamente in piena estate, anche quando il sole sembra gettare una gradita ombra sul resto del giardino. Prima una precisazione botanica: dovrebbero chiamarsi Pelargonium, perché i veri gerani sono resistenti e possono occupare molte zone d’ombra del giardino, ma terremo questo nome, forgiato dall’uso. Chiedete in giro: da dove vengono i gerani da balcone? È probabile che abbiate setacciato il globo, citando alcuni il Messico e altri la Grecia o il Marocco…

Sbagliato: sono tutti originari del Sudafrica, più precisamente di una striscia di terra che corre lungo la costa e comprende parti montuose, intorno alla città di Città del Capo. Il clima è caratterizzato da inverni miti ed estati calde ma piuttosto umide, con molto sole, almeno quanto a Nizza. Anche se non sopportano il gelo, i gerani da balcone apprezzano molto il sole e il calore che ne deriva, a patto che ci si ricordi di annaffiarli regolarmente. Logicamente, i nostri coraggiosi gerani sono stati scoperti solo con l’arrivo dei primi coloni olandesi. Già nel 1630 questo fiore era segnalato a Parigi, ma un secolo dopo erano disponibili solo tre varietà, tra cui una con fogliame variegato di bianco.

Due secoli di regno indiviso

Appassionata di piante, l’imperatrice Giuseppina portò dall’Inghilterra una collezione di gerani e piante australiane… nonostante il blocco imposto dal marito imperatore. Il XIX secolo segnò l’età d’oro dei pelargonium: gli ibridi portarono una serie di colori diversi, esplorando la gamma dei rossi e dei rosa, mentre il fogliame diffondeva il suo profumo o diventava tricolore. In Inghilterra i fiori sono rotondi e quasi a compasso, mentre in Francia i petali sono ben separati. Apparvero i primi fiori doppi, mentre i gerani rampicanti, con il loro portamento strisciante o addirittura piangente, iniziarono a riscuotere successo quando le terrazze delle grandi residenze furono decorate con i vasi.

LEGGERE  Creare un Terrario di Piante Grasse Fai da Te

Ai tempi delle aiuole a cesto

All’epoca andavano di moda le aiuole ben disegnate e leggermente a cupola, come se un cesto di frutta fosse stato posto su un centrino di pizzo. Solo nelle città termali e nei parchi classici si trovano ancora queste composizioni un po’ antiquate. Questo era il luogo preferito per i gerani zonali, piccoli arbusti le cui foglie sono segnate da una screziatura circolare marrone. Diventano un po’ noiosi, ma se si aggiungono dei fiori più chiari, tutto cambia: qualche gaura bianca e qualche zinnia aggiungono un tocco chic e disinvolto. Divertitevi a posizionare alcuni di questi gerani tra gli ortaggi dell’orto, in questo mare di verde smeraldo: il loro tocco di colore catturerà subito l’attenzione e vi farà guadagnare i complimenti di tutti i visitatori, stupiti nel vedere come il cavolo diventi prezioso con un simile compagno.

Gerani: le regole d’oro per una fioritura densa e magnifica

Rinvasate i vostri gerani lo stesso giorno in cui li avete acquistati, dando loro un buon terriccio morbido e nutriente. In questo campo non si risparmia. Se avete un buon terriccio da giardino, aggiungetene circa un quarto.

Sono sufficienti tre vasi da 25 cm di diametro o cinque piante per una cassetta da finestra lunga 50 cm, disposte in due file con i vasi addossati ai lati.


Aggiungete poi alla miscela una o due piante dal fogliame decorativo, come l’edera chic a foglie piccole, l’asparago classico o l’elicriso argentato.


Innaffiate subito dopo la messa a dimora e poi una o due volte alla settimana, a seconda della temperatura ambientale. Aggiungete mezza dose di concime per gerani a ogni annaffiatura.


Approfittate delle annaffiature per rimuovere i fiori appassiti. Questa piccola routine contribuirà a prolungare il periodo di fioritura, che non deve essere interrotto.

LEGGERE  Ecco come propagare una talea di cactus di successo !